Software libero per partizionare un disco

Gparted è un software del progetto Gnome  che permette di partizionare e ridimensionare le partizioni di un hard disk.

Se, ad esempio, sul vostro computer avete il sistema operativo Microsoft windows xp sull’unica partizione creata dal venditore e volete fare un pò di spazio per testare una buona alternativa come Ubuntu, sicuramente questo programma farà un buon lavoro per voi.

Infatti, dopo aver fatto il backup dei vostri dati nella partizione windows (non si sa mai se qualcosa può andare storto) prima di installare la nuova distribuzione Gnu/Linux, avete bisogno di restringere lo spazio dedicato a windows per lasciarne un pò al nuovo sistema.

Questo Live Cd è un disco autoavviante che ci permettere di compiere questa operazione con semplicità.

GParted — LiveCD
LiveCD

The power and simplicity of GParted on a biz-card size LiveCD.

The CD aims to be fast, small in size (~30mb), and use minimal resources
to get that disk partitioned the way you want it. GParted LiveCD uses Xorg,
the lightweight Fluxbox window manager, and the latest 2.6 Linux Kernel.

Quasi pronta la Google Toolbar per Firefox di terza generazione

Tutti i navigatori esperti e coloro che vogliono diventarlo dovrebbero provare questa fantastica aggiunta al browser Firefox per navigare in maniera ancora più “smart”.

Tante le novità per la terza release della Toolbar di Google.

Per scoprirle tutte segui il link

Ulteriori informazioni su Google Toolbar 3

I miei migliori saluti
Marco Costanzo
] marcomkc [

Avete un nuovo sito? Non dimenticate di creare il file robots.txt

Volete scalare rapidamente la classifica dei motori di ricerca con il vostro ultimo, meraviglioso sito o blog?

Non dimenticate la buona pratica di inserire un file denominato Robots.txt nella directory principale del vostro sito.

Leggete cosa dice Wikipedia in merito… e quando siete convinti della validità di questa cosa potete usare questa web application per generare il file robots.txt in automatico.

http://www.yellowpipe.com/yis/tools/robots.txt/

] marcomkc [

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Vai a: Navigazione, cerca

Il file robots.txt contiene delle regole utilizzate dai crawler (detti anche spider) per applicare restrizioni di analisi sulle pagine di un sito internet.

I web crawler sono dei software automatici programmati per effettuare ricerche ed indicizzazioni periodiche. Nella prima fase di analisi di un sito web controllano l’esistenza del file robots.txt per applicare eventuali restrizioni richieste dal webmaster del sito.

Robots.txt – Wikipedia

Segnalo: servizio di bookmarking sociale in italiano

Anche se preferisco per molti versi Delicious per la pulizia dell’interfaccia grafica, segnalo.com è un ottimo servizio di bookmarking sociale totalmente in italiano.

La registrazione è abbastanza intuitiva e dopo aver posizionato i pulsanti per la pubblicazione delle segnalazioni nel proprio browser (vi consiglio di visitare il sito Naviga Felice ) potrete iniziare a tenere traccia di tutti gli articoli interessanti che trovate in giro per la rete.

Questa è una di quelle web application che non lascerete più, una volta che l’avete provata. Garantito!

] marcomkc [

A cosa serve Segnalo?
Segnalo è un servizio che consente di archiviare direttamente su internet i tuoi siti preferiti, invece di utilizzare la funzione preferiti del tuo browser. I vantaggi sono molteplici:

* Non perdi i tuoi siti preferiti quando il tuo PC viene reinstallato
* Puoi consultare e modificare i tuoi siti preferiti da qualunque postazione connessa ad internet, ad esempio da case e da lavoro.
* Grazie all’uso di parole chiave associate ad ogni sito preferito la ricerca in un momento successivo sarà molto più immediata.

Leggi le domande frequenti (FAQ)

Il progetto OpenDNS

Per navigare in Internet il nostro computer si collegano ad altri computer che hanno il compito di “risolvere” (trasformare) il nome che abbiamo digitato (ad esempio http://www.espertointernet.com) nel suo indirizzo corrispondente nel protocollo IP ( numero IP 72.32.101.42).

Questi computer speciali a cui ci colleghiamo si chiamano DNS e normalmente vengono forniti dai nostri provider (coloro che ci forniscono la connettività).

E’ nato un interessante progetto per sfruttare la collaborazione dei navigatori più esperti per un DNS sociale non controllato dai fornitori di accesso ad Internet.

Per conoscere i risvolti tecnici potete leggere questo articolo e decidere se aderire o meno al progetto.

] marcomkc [

Fondato da David Ulevitch nel 2005 il progetto OpenDNS è molto interessante perchè si propone di svincolare la connessione di ogni utente dal controllo dei providers ed aggiunge funzionalità di sicurezza “a monte” per proteggerci da siti di pishing ed altro. Prima di spiegare l’utilità di OpenDNS spiegho in due parole, evitando aspetti tecnici, qual’è la funzione dei DNS…

I misteriosi DNS, a cosa servono e come funzionano
Quando ci colleghiamo ad un determinato sito ne digitiamo l’indirizzo alfanumerico (es. http://www.ikaro.net). Fatto questo, il browser inizia a visualizzare le pagine. In realtà il nostro PC non utilizza l’indirizzo alfanumerico da noi digitato, ma ne utilizza un altro che è il vero indirizzo di rete del sito chiamato IP address, un indirizzo numerico composto da 4 cifre comprese tra 1 e 254 separate da punti.

Per ottenere questo IP il PC esegue una richiesta nascosa a server appositi che hanno la funzione di collegare gli indirizzi alfanumerici agli IP di rete reali di ogni sito. Questi server si chiamano DNS (Domain Name System).

Leggi tutto il resto su… Generazione Web . .:: Il portale libero ::. .

Inutilità nella firma delle formule di privacy in stile 196/2003

Interessante articolo di Emiliano Bruni sulle buone pratiche di non allegare firme chilometriche alle proprie “interessantissime e privatissime” email.

Ricordate sempre che inviare una email non corrisponde nel mondo reale al gesto di inviare una lettera ma ad una cartolina, a meno che non sappiate come criptare la vostra posta.

] marcomkc [

Emiliano Bruni WebSite – I pippoloni riguardo la 196/2000 nelle signature
Non so voi, ma io trovo estremamente irritante quei pippoloni enormi presenti nelle signature delle e-mail che a volte mi arrivano e che spesso, oltre a contenere per l’ennesima volta l’intero curriculum del mittente, mi informano che se il messaggio non è indirizzato a me devo assolutamente evitare di leggere il messaggio (oh dio, ma io l’ho gia’ letto tutto prima di arrivare qui), distruggere lo stesso informando dell’accaduto il mittente. Tutto questo basato sul famigerato decreto legislativo 196/2003.

Inutilit? nella firma delle formule di privacy in stile 196/2003

Interessante articolo di Emiliano Bruni sulle buone pratiche di non allegare firme chilometriche alle proprie “interessantissime e privatissime” email.

Ricordate sempre che inviare una email non corrisponde nel mondo reale al gesto di inviare una lettera ma ad una cartolina, a meno che non sappiate come criptare la vostra posta.

] marcomkc [

Emiliano Bruni WebSite – I pippoloni riguardo la 196/2000 nelle signature
Non so voi, ma io trovo estremamente irritante quei pippoloni enormi presenti nelle signature delle e-mail che a volte mi arrivano e che spesso, oltre a contenere per l’ennesima volta l’intero curriculum del mittente, mi informano che se il messaggio non ? indirizzato a me devo assolutamente evitare di leggere il messaggio (oh dio, ma io l’ho gia’ letto tutto prima di arrivare qui), distruggere lo stesso informando dell’accaduto il mittente. Tutto questo basato sul famigerato decreto legislativo 196/2003.