SpaceCube: il Computer più Piccolo al Mondo. at Digitex

SpaceCube: il Computer più Piccolo al Mondo.

E’ la creazione di Shimafuji, si chiama SpaceCube: si tratta del computer più piccolo al mondo. Misura infatti 52×52×55mm soltanto e viene venduto in tre versioni che differiscono per la potenza del processore: 200MHz, 250MHz e 300MHz. Specifiche decisamente arretrate per gli standard odierni, ma del tutto in linea con le proposte presenti sul mercato solamente qualche anno fa. E la praticità è assolutamente ineguagliabile…

SpaceCube: il Computer più Piccolo al Mondo. at Digitex

ECLIPSE-IT 2007

Eclipse IT 2007 e lOpen Source

Il 4 e 5 ottobre 2007, presso l’Università Federico II di Napoli, si terrà ECLIPSE-IT 2007, il secondo meeting della comunità Eclipse Italiana, coordinata dal Prof. Paolo Maresca del Dipartimento di Ingegneria dei Sistemi DIS, e organizzato con la collaborazione di IBM.

Tutto il resto qui…

Data Manager on line

Concorso online: Salvatore Aranzulla e YouBuy.it

Diamo risalto a questo concorso online realizzato dai nostri amici

Leggendo il mio blog puoi vincere fantastici premi tecnologici. Prima di tutto puoi vincere una meravigliosa PSP Slim PlayStation Portable.

Esatto, la nuova versione della console portatile della Sony, appena uscita in Italia. I premi non si fermano alla nuovissima PSP Slim PlayStation Portable, ma vanno oltre

Puoi infatti vincere un lettore DVD/DivX portatile PDVX-01 della 4GEEK o un lettore mp3/mp4 Melody della 4GEEK. Insomma, premi da veri appassionati di tecnologia

Per vincere uno di questi tre premi, basta partecipare a questo contest da me organizzato con la collaborazione di YouBuy.it. YouBuy.it è uno dei maggiori negozi on-line di prodotti tecnologici che mi ha dato l’opportunità di organizzare questo contest e farvi vincere tutti questi fantastici premi.

SA e YouBuy ti regalano una PSP SlimTutto il resto qui…

Contest: Salvatore Aranzulla e YouBuy.it ti regalano un mare di tecnologia – Salvatore Aranzulla

IBM entra nella comunità OpenOffice.org

L’azienda intende sviluppare e promuovere la tecnologia OpenOffice.org

Trieste, 11 settembre 2007 – L’Associazione PLIO, Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org, annuncia l’ingresso di IBM tra i membri della comunità, con l’obiettivo di collaborare allo sviluppo della suite per ufficio open source più diffusa nel mondo. Inizialmente, IBM porterà in dote il codice che ha sviluppato per Lotus Notes, che include funzioni di accessibilità, per poi contribuire in modo continuativo alle funzionalità e al codice di OpenOffice.org. Oltre a collaborare con la comunità, IBM sfrutterà la tecnologia della suite per i suoi prodotti.

OpenOffice.org è la suite per ufficio più diffusa nel mondo: è stata scaricata quasi 100 milioni di volte, ed è presente all’interno delle principali distribuzioni Linux. Il software include moduli per l’elaborazione dei testi, la gestione dei fogli di calcolo, il disegno, le presentazioni e la gestione dei database, utilizza in modo nativo il formato dei documenti ODF (standard ISO/IEC 26300), e supporta i formati proprietari delle altre suite per l’ufficio, compresa Microsoft Office. La suite gira sulle principali piattaforme – Windows, Vista, Linux, Solaris e Mac OS X – ed è disponibile in oltre 100 lingue.

OpenOffice.org può essere utilizzato gratuitamente per qualsiasi attività, sia privata che commerciale, e viene fornito con licenza LGPL.
“L’ingresso di IBM è un’ottima notizia sia per i membri della comunità, che sono migliaia in ogni parte del mondo, sia per gli utenti della suite per ufficio”, afferma John McCreesh, Leader del Progetto Marketing di OpenOffice.org. “L’impegno dell’azienda nello sviluppo di OpenOffice.org e l’intenzione di distribuire le nuove tecnologie che sfruttano il codice della suite e il formato standard ODF rappresentano un’importante garanzia per il futuro ”.

L’Associazione PLIO, Progetto Linguistico Italiano OOo, raggruppa la comunità italiana dei volontari che sviluppano, supportano e promuovono la principale suite libera e open source per la produttività negli uffici: OpenOffice.org. Il software usa il formato dei file Open Document Format (standard ISO/IEC 26300), legge e scrive i più diffusi tra i formati proprietari, ed è disponibile per i principali sistemi operativi in circa 90 lingue e dialetti, tanto da poter essere usato nella propria lingua madre da più del 90% della popolazione mondiale. OpenOffice.org viene fornito con la licenza GNU LGPL (Lesser General Public Licence) e può essere utilizzato gratuitamente per qualsiasi scopo, sia privato che commerciale.

OpenOffice.org 2.2 è disponibile in italiano all’indirizzo http://it.openoffice.org e nelle altre versioni linguistiche all’indirizzo http://download.openoffice.org.

PLIO, Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org: http://www.plio.it. Vola e fai volare con i gabbiani di OpenOffice.org: usalo, copialo e regalalo, è legale!

Per informazioni: Italo Vignoli (348.5653829), ufficiostampa@plio.it

Elimina spyware e affini con SpyBot 1.5

Elimina spyware e affini con SpyBot 1.5

E’ da alcuni giorni uscita la nuova versione di uno dei più validi sistemi antispyware gratuiti: parlo di SpyBot che finalmente arriva alla versione 1.5.

Tutto il resto qui…

Elimina spyware e affini con SpyBot 1.5

Think Open si sta avvicinando!

La prima Open Source Expo – Think Open si sta avvicinando!

Nell’area Cen Ser di Rovigo Fiere si svolgerà dal 26 al 28 Settembre la prima Fiera “Open Source” articolata con esposizione, conferenze e workshop. Il fenomeno Open Source, software libero che può essere modificato e rielaborato e sempre in evoluzione con la partecipazione di tutti, è una realtà ormai affermata sul mercato italiano

Tutto il resto qui…

Data Manager on line

Politica, management e sviluppo del Software Libero a Bologna

Sabato 22 Settembre presso l’aula B del complesso Belmeloro (via
Belmeloro n. 12, di fronte alla Johns Hopkins University)

Politica, management e sviluppo del Software Libero

9:30 Roberto di Cosmo – La situazione del software libero in Francia

10:30 Flavia Marzano – La situazione del software libero in Italia

11:30 Carlo Piana – Istituzioni Europee e software libero

12:30 Discussione aperta a cura di Renzo Davoli

13:30-14:15 pausa

14:30 Enrico Zini – Progetti di cooperazione

15:30 Mimmo Cosenza – Essere Manager col software libero

16:30 Discussione aperta a cura di Renzo Davoli

Seminario organizzato da Renzo Davoli – direttore scientifico del master
in tecnologia del software libero e open source

Per maggiori informazioni scrivere a paola.mandelli@almaweb.unibo.it